NEWS

FIRMATO A ROMA IL NUOVO PROTOCOLLO D'INTESA TRA LA GUARDIA DI FINANZA E LA CONSOB

16 Ottobre 2019
Il Presidente della CONSOB, Prof. Paolo Savona e il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d'Armata Giuseppe Zafarana, hanno sottoscritto un nuovo protocollo d'intesa, volto a potenziare ed estendere le modalità di cooperazione tra le due Istituzioni. L'accordo - che aggiorna e sostituisce quello siglato nel 2013 -... [continua]

Finanziarie, dal garante Privacy più diritti per chi finisce in black-list

14 Ottobre 2019
Il nuovo codice di condotta prevede che chi non ha onorato le rate perché non ha ricevuto la merce potrà segnalarlo nel registro dei cattivi pagatori. Con buone possibilità di ricevere comunque un nuovo prestito. I consumatori che hanno problemi a pagare le rate delle finanziarie hanno qualche diritto in più. Ad esempio chi non ha pagato... [continua]

Rapporto ASviS 2019: uniamo i puntini in un grande disegno di sostenibilità

9 Ottobre 2019
Le presentazioni di Stefanini e Giovannini. Fico: a Roma parlamentari di tutto il mondo sui temi ambientali. Gualtieri: emetteremo Green bonds. Gentiloni: i miei tre impegni a Bruxelles. Verso un’iniziativa “Journalists for future”. Giunta alla sua quarta edizione, la presentazione del Rapporto annuale dell’ASviS ha dovuto spostarsi dalla... [continua]

Legge 205/2017 la tutela dei consumatori e la prescrizione.

8 Ottobre 2019
L’art.1 (commi da 4 a 10) della legge 205 del 2017 ha rivoluzionato la normativa prevista nel codice civile relativa ai termini di prescrizione in riferimento ai corrispettivi dei conguagli nei settori energia elettrica, gas e (prossimamente) idrico, inserendo nella più generale definizione della prescrizione quale “modo... [continua]

"Le norme privacy non ostacolano al lotta all'evasione fiscale. La nostra azione permette anzi di colpire i responsabili e di salvaguardare le persone corrette" - Intervista ad Antonello Soro

7 Ottobre 2019
Soro: "Le norme privacy non ostacolano al lotta all'evasione fiscale. La nostra azione permette anzi di colpire i responsabili e di salvaguardare le persone corrette". Ora che il governo lancia l’ennesima campagna contro gli evasori, politici e opinionisti invitano a liberare il campo dai paletti piantati dal Garante della Privacy. Il Garante,... [continua]

L’acronimo come da tradizione è impossibile, ma gli obiettivi sono ambiziosi. La direttiva europea Psd2 diventa operativa a pieno titolo dal 14 settembre 2019 e porta con sé alcune novità per i servizi di pagamento nel mondo digitale. L’obiettivo della seconda Payment System directive (Psd2) emanata da Bruxelles è armonizzare le prassi all’interno dell’Unione; rendere più sicure le transazioni con l’autenticazione a due fattori per chi fa acquisti online (ma per ora la norma è slittata) e aprire le porte delle banche a soggetti terzi che, se autorizzati, potranno accedere ai dati degli istituti di credito europei per sviluppare prodotti autonomi. “Ci troviamo di fronte a una normativa che porterà grande valore al consumatore che potrà beneficiare di nuovi servizi, più sicurezza e maggiori garanzie”, spiega Valeria Portale, direttore dell’Osservatorio pagamenti innovativi del Politecnico di Milano.

Chi può accedere ai dati bancari
La direttiva toglie alle banche il monopolio sulle informazioni contenute nei conti correnti dei propri clienti, secondo il principio per cui i dati non sono dell’istituto di credito che li possiede ma del correntista che li produce. I clienti che vorranno potranno aprire le porte dei loro conti a terzi che – autorizzati e con apposita licenza – avranno la possibilità di leggere ed elaborare i dati. Una chance che può tradursi in un mero servizio informativo, come la raccolta aggregata da più conti correnti di entrate e uscite, ma che può anche sfociare, suggerisce la Consob, nell’offerta di servizi per la “pianificazione finanziaria e delle abitudini di spesa, ovvero di consulenza in materia di investimenti, gestione di portafogli, consulenza patrimoniale, previdenziale e/o assicurativa”.

Operatori over the top come Google e Facebook, merchant come Amazon o startup ancora da scoprire avranno la possibilità di studiare soluzioni per ampliare la propria offerta di business e rendere sempre più semplici le attività digitali degli utenti. “Il boccino – sottolinea Portale – resta sempre nelle mani delle persone che autorizzano gli attori ad accedere ai dati che saranno poi trattati secondo i principi del Gdpr”.

Chi lavora con i soldi senza essere una banca farà in fretta a cogliere l’opportunità della Psd2 che si stima possa avere un impatto forte sull’instant payment, un segmento che lega colossi alla Apple e realtà emergenti come Satispay, e sull’ecommerce, con la possibilità di creare portafogli direttamente sui marketplace.

“Le banche – dice Portale – si troveranno di fronte a una competizione molto più allargata e dovranno spingere sull’innovazione per poter guidare questo cambiamento: o danno i loro dati ad altri oppure migliorano l’offerta con servizi prima inimmaginabili”. Secondo la docente del Politecnico di Milano un effetto collaterale della Psd2 sarà la ricerca di idee intelligenti da parte degli istituti di credito. “Per loro il rischio è diventare un banale luogo di depositi, incapace di dare servizi. L’open innovation è inevitabile ed è un’occasione per le startup europee”.

Per la Consob rischi significativi
Per la Consob, che in Italia vigili su banche e mercati, l’accesso aperto e condiviso alle informazioni degli istituti porta con sé “potenziali benefici per la clientela” ma anche “rischi connessi significativi”. “Tra questi – si legge nei Quaderni Fintech – si segnalano anche i rischi associati all’aumento dei soggetti, abilitati ad operare nel nuovo e più articolato ‘sistema di creazione del valore’ dell’intermediazione finanziaria, con conseguente potenziale riduzione dei margini e dei profitti degli operatori coinvolti, nonché il generalizzato aumento della vulnerabilità del sistema e quindi delle spese relative alla cybersecurity”.

Secondo l’authority i servizi che possono nascere dall’implementazione della Psp2 rederanno “il modello di banca universale, full service, sempre meno sostenibile e competitivo”, in futuro “poco attrattivo anche per l’utente finale”. Così la direttiva potrebbe quindi scatenare “la destrutturazione dell’attuale modello di business bancario verso un approccio più aperto e interconnesso” a soggetti fino operanti in ecosistemi del tutto differenti.

Gli istituti tradizionali avranno dalla loro il know-how nella protezione dei dati e nella robustezza delle strutture di controllo che sono state sviluppate negli anni. Le terze parti che vorranno accedere alle informazioni contenute nei conti delle banche si ritroveranno infatti da un giorno all’altro vigilate dalle authority nazionali, come Banca d’Italia, e dovranno garantire avanzati standard di sicurezza per i propri sistemi. “Punti di forza – chiosa la Consob – che potrebbero favorire la rivisitazione dei modelli di business bancari verso better bank, capaci di sfruttare i vantaggi dell’interfaccia digitale con la propria clientela”.

https://www.wired.it/economia/finanza/2019/09/13/banca-psd2/

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio