Dalla sharing alla social economy: come si gestisce la concorrenza nei mercati?

Lo sviluppo della rete Internet e il successo dei social media stanno dando vita ad un nuovo modo di pensare l’economia. Nel giro di appena un anno, il salto di qualità dell’economia della condivisione è già diventato realtà aprendo la strada alla social economy, in grado di arrivare a una platea molto più ampia di potenziali consumatori. Si tratta di una realtà economica in costante evoluzione che si affianca all’economia tradizionale. I mutamenti coinvolgono il trasporto urbano (Uber, Lyft) ed extraurbano (Blablacar), l’offerta di alloggi (Airbnb), il settore bancario e creditizio con il social lending (Zopa, Prosper), il crowdfunding (Kickstarter, Indiegogo), la nascita di monete complementari (Bitcoin, Faircoin), il mondo del lavoro (Taskrabbit, Handy) e la logistica (Instacart, Postmates).

L’Unione europea ha adottato diverse iniziative in materia. In ambito nazionale, diventa cruciale il ruolo svolto dall’AGCM, nella sua duplice funzione  di  garante  della  concorrenza e della tutela del consumatore. L’approccio  fin  qui  adottato  dall’Autorità si muove nella consapevolezza che il cambiamento in atto non può essere imbrigliato in regole troppo stringenti dal momento che i vantaggi indotti da queste nuove forme di economia sono innegabili: maggiore concorrenza, riduzione dei costi transattivi, minore asimmetria informativa, maggiore accessibilità a beni e servizi da parte dei consumatori.

A fronte di questo però, come ha precisato Roberto Chieppa, consigliere e segretario generale dell’AGCM “cresce il rischio di concorrenza sleale, elusione  fiscale  e  una  minore  tutela per il consumatore”. Come agisce quindi l’Agcm quando deve regolamentare i nuovi fenomeni di mercato? “La prima regola che di solito l’Autorità segue è quella di non intervenire e, nel caso sia necessario, l’intervento deve essere soft, in modo da lasciare libera l’iniziativa imprenditoriale”.

 



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.