NEWS

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza inviato alla Commissione Europea.

3 Maggio 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Recovery Plan italiano, è stato approvato il 29 aprile in Consiglio dei ministri ed è stato inviato alla Commissione Europea.   [continua]

Nuove regole Ue su diritti passeggeri ferroviari.

3 Maggio 2021
Tra le novità maggiore tutela in caso di ritardi e cancellazioni. Più itinerari alternativi in caso di ritardi o cancellazioni, migliore assistenza alle persone a mobilità ridotta, più spazio per le biciclette. Queste le principali novità della revisione del regolamento sui diritti dei passeggeri ferroviari approvata dal Parlamento europeo in via... [continua]

Cittadini, Istituzioni e Aziende insieme per una nuova mobilità

27 Aprile 2021
Per raggiungere il traguardo di una organizzazione ottimale dei trasporti e della mobilità serve una collaborazione forte e duratura tra tutte le parti sociali e una condivisione di obiettivi e strategie. Se ne è discusso oggi nel corso del web event dal titolo “Cittadini, Istituzioni e Aziende insieme per una nuova mobilità” organizzato da... [continua]

Conferenza sulla revisione della direttiva sulle rendicontazioni non finanziarie.

19 Aprile 2021
La Direttiva sulla rendicontazione non finanziaria (NFRD) impone ad alcune grandi aziende di riferire su questioni sociali, dipendenti e ambientali, diritti umani e tangenti e corruzione. Tuttavia, le informazioni attualmente riportate non soddisfano le esigenze degli utenti. La Commissione europea sta riesaminando la NFRD al fine di rimediare a... [continua]

energiaBruxelles, rischi concorrenza da meccanismi capacità elettricità.

Il mercato dell'elettricità italiano finisce nel mirino dell'antitrust europeo. Nel rapporto pubblicato oggi dalla Commissione sui 'meccanismi di capacità', cioè le misure nazionali per garantire la disponibilità in ogni momento di forniture di energia elettrica affidabili, la Commissione Ue rileva in Italia uno schema che potrebbe distorcere la concorrenza. Ora Governo e market player dovranno far arrivare le proprie obiezioni e spiegazioni alla Commissione entro il 6 luglio. Bruxelles deciderà quindi come proseguire l'indagine in corso nel settore.

La Commissione definisce lo schema applicato in Italia (ma anche in Polonia, Portogallo e Spagna) 'pagamento di capacità targettizzato', e teme che possa portare ad una distorsione della concorrenza perché "il prezzo pagato per la capacità è fissato amministrativamente invece che attraverso una procedura di gara aperta alla concorrenza". Inoltre, - sempre secondo l'antitrust - "questo schema non affronta le questioni che hanno provocato i problemi di capacità". E un altro problema di questo modello è che "fissare un prezzo in modo amministrativo aumenta il rischio di sovracompensazione dei beneficiari". Se queste preoccupazioni fossero confermate, "questi schemi potrebbero distorcere la concorrenza".

L'indagine della Commissione Ue sui 'meccanismi di capacità' ha rilevato che essi possono aumentare la sicurezza della fornitura elettrica ma molti Stati dovrebbero analizzare meglio se sono necessari, mirati e orientati all'efficienza dei costi.

Meccanismi di capacità non necessari e disegnati male possono distorcere la concorrenza, penalizzare il flusso elettrico transnazionale e portare un aumento dei costi per i consumatori.

L'antitrust europeo ha avviato ad aprile 2015 l'indagine sulle misure nazionali messe in piedi per assicurare che vi sia capacità adeguata e affidabile di fornitura elettrica in qualunque condizione (meccanismi di capacità). L'obiettivo dell'indagine è raccogliere informazioni su questi meccanismi per esaminare se servano il loro scopo senza distorcere la concorrenza. Finora Bruxelles ha raccolto informazioni da 120 attori sul mercato di undici Paese, Italia compresa. E ora invita gli stati e gli attori interessati a sottomettere i propri commenti alla sua indagine entro il 6 luglio. 

www.ansa.it 

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio