NEWS

Autorità Regolazione Trasporti: Relazione 2020.

24 Luglio 2020
Rapporto annuale 2020. Con questo documento l’Autorità presenta al Parlamento il suo settimo rapporto annuale e riferisce sui risultati delle attività svolte, illustra le prospettive della regolazione del settore e indica gli interventi necessari a rimuovere gli ostacoli che si frappongono al miglior funzionamento dei mercati e dei servizi... [continua]

Banca d'Italia in relazione all'emergenza Covid-19.

23 Luglio 2020
Questa sezione raccoglie i contributi della Banca d’Italia, le comunicazioni per il pubblico, per gli intermediari e per gli operatori, le misure e i provvedimenti adottati, gli studi e le analisi, gli interventi della BCE in relazione all’emergenza da Covid-19. [continua]

Investire sul trasporto pubblico per la ripresa economica e la vita quotidiana di milioni di persone: lo chiedono l’Associazione Trasporti ASSTRA e Consumers' Forum

26 Giugno 2020
Si è tenuto oggi un webinar organizzato dall’Associazione Trasporti ASSTRA e Consumers’ Forum sul tema “Il trasporto pubblico locale nello stato di emergenza sanitaria: questioni aperte e prospettive future. Dialogo tra imprese ed utenti” al quale sono intervenuti i rappresentanti del mondo delle imprese del trasporto pubblico locale ed i... [continua]

film on lineAnche per i servizi a pagamento online arriva il passaporto europeo: dall'anno prossimo chi si sposterà temporaneamente da un Paese all'altro dell'Ue potrà vedere in streaming film, musica, partite e gare di Formula 1 come se fosse nel suo Paese di residenza. Questo il risultato dell'accordo raggiunto oggi tra Commissione, Parlamento e Consiglio Ue che dovrà ora essere approvato formalmente dalle istituzioni europee. Attualmente i cittadini che viaggiano da un Paese all'altro dell'Unione per qualsiasi motivo molto spesso, se non sempre, non possono usufruire dei servizi online a cui ci si è abbonati a causa di restrizioni sulla loro portabilità e per accordi di licenza esclusiva. Le regole su cui oggi è stato trovato l'accordo aboliranno queste restrizioni sia per i nuovi abbonati che per chi ha già sottoscritto servizi online che offrono la possibilità di seguire eventi sportivi, vedere film e programmi di intrattenimento, ascoltare musica, praticare giochi.

Per evitare abusi e un utilizzo illecito della nuova possibilità offerta agli utenti del web, le nuove norme consentiranno ai providers di adottare misure "ragionevoli e proporzione" per effettuare adeguati controlli elettronici nel rispetto della privacy.

L'intesa raggiunta oggi - che si inquadra negli interventi che hanno portato alla progressiva abolizione del roaming - dovrà ora essere formalmente approvata dalla commissione affari giuridici dell'Europarlamento, dall'assemblea e dal Consiglio Ue. Questo accordo " è un concreto beneficio per i cittadini europei e un passo importante nella rimozione delle barriere che ostacolano la realizzazione di un vero mercato unico digitale", ha commentato il commissario Ue competente Andrus Ansip. Nel 2016, secondo i dati di Bruxelles, il 64% degli europei ha utilizzato internet per esercitarsi con giochi o scaricare immagini, film e musica. Ma anche per seguire eventi sportivi e serie tv. Inoltre, ricorda la Commissione, un'indagine condotta nel 2015 aveva rilevato che un europeo su tre - uno su due considerando solo la fascia di età tra i 15 e i 39 anni - chiedeva la portabilità dei servizi online e la possibilità di accedervi quando si è in viaggio tra un Paese e l'altro dell'Unione. Il regolamento su cui è stata raggiunta l'intesa dà nove mesi di tempo a prividers e detentori dei diritti d'autore per prepararsi all'applicazione della nuova direttiva che la stessa Commissione prevede comunque entri in vigore all'inizio del 2018.

www.ansa.it

 

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio