NEWS

Autorità Regolazione Trasporti: Relazione 2020.

24 Luglio 2020
Rapporto annuale 2020. Con questo documento l’Autorità presenta al Parlamento il suo settimo rapporto annuale e riferisce sui risultati delle attività svolte, illustra le prospettive della regolazione del settore e indica gli interventi necessari a rimuovere gli ostacoli che si frappongono al miglior funzionamento dei mercati e dei servizi... [continua]

Banca d'Italia in relazione all'emergenza Covid-19.

23 Luglio 2020
Questa sezione raccoglie i contributi della Banca d’Italia, le comunicazioni per il pubblico, per gli intermediari e per gli operatori, le misure e i provvedimenti adottati, gli studi e le analisi, gli interventi della BCE in relazione all’emergenza da Covid-19. [continua]

Investire sul trasporto pubblico per la ripresa economica e la vita quotidiana di milioni di persone: lo chiedono l’Associazione Trasporti ASSTRA e Consumers' Forum

26 Giugno 2020
Si è tenuto oggi un webinar organizzato dall’Associazione Trasporti ASSTRA e Consumers’ Forum sul tema “Il trasporto pubblico locale nello stato di emergenza sanitaria: questioni aperte e prospettive future. Dialogo tra imprese ed utenti” al quale sono intervenuti i rappresentanti del mondo delle imprese del trasporto pubblico locale ed i... [continua]

Lo ha deciso la Corte federale di Cassazione tedesca.  Volkswagen è tenuta a risarcire i suoi clienti. È quello che ha deciso la Corte federale di Cassazione tedesca, nell'ambito del processo sul dieselgate. I consumatori sono però obbligati a detrarre i km percorsi dalla somma in denaro che riceveranno.

L'Alta Corte federale ha così confermato la precedente sentenza della corte di appello di Coblenza, sul caso di un uomo che chiedeva un risarcimento al colosso di Wolfsburg, per la sua auto, una VW Sharan, pagata all'epoca dell'acquisto, nel 2014, 31.500 euro. I giudici della Corte di appello avevano disposto che al cliente fossero ripagati 25 mila euro, più i tassi: non l'intero importo, però, perché l'auto era stata comunque utilizzata. Il giudizio non aveva soddisfatto nessuna delle due parti, ed entrambe avevano fatto ricorso alla Cassazione, che si è pronunciata oggi, in una sentenza che a questo punto fornirà un precedente decisivo per decine di migliaia di casi analoghi. Stando a Vw sarebbero circa 60 mila i processi pendenti a livello federale. Lo scandalo dei motori truccati di Vw, che manipolava i dati sulle emissioni dei gas, risale al 2015. Il giudizio di oggi non avrà alcun impatto invece sulla class action chiusa in passato.

www.ansa.it 

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio