L'Italia è tra i fanalini di coda dell'Ue per l'e-commerce.

e commerce copyE' quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat per il 2016. A fronte del 72% di imprese italiane con un sito internet, infatti, solo il 10% fa le vendite online, ossia la quarta percentuale più bassa di tutti i 28 stati membri. A fare peggio solo Romania (7%), Bulgaria e Polonia (9%), mentre la Lettonia è allo stesso livello dell'Italia (10%). Le imprese che usano di più il web come mezzo di vendita dei loro prodotti sono l'Irlanda (26%), la Svezia (25%) e la Danimarca (24%), a cui seguono Olanda (22%) e Belgio (21%).

Leggi tutto...

Fake news: Garante Privacy, algoritmo no sia arbitro verità.

antonello soroROMA - Evitare di attribuire ad un algoritmo il compito di "arbitro della verità" in materia di fake news. E' l'avvertimento del  garante della privacy Antonello Soro. "Quello che bisogna evitare", nel trattamento delle fake news - ha detto a margine di un convegno del Consumers' Forum -, è "da una parte attribuire ai gestori delle piattaforme digitali il ruolo di semaforo, lasciando loro una discrezionalità totale nella  individuazione di contenuti lesivi. E dall'altra evitare di immaginare di attribuire ad un algoritmo il compito di arbitro della verità. Mi sembra davvero in controtendenza non solo rispetto alla storia del diritto ma anche della cultura democratica e del buon senso".

Leggi tutto...

LE REGIONI DEVONO ADOTTARE PROCEDURE PIÙ TRASPARENTI E COMPETITIVE NEGLI AFFIDAMENTI DIRETTI PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FERROVIARIO

Pendolari treni regionaliComunicato stampa congiunto AGCM-ART-ANAC
 Atto di segnalazione congiunto a Regioni, Conferenza Unificata Stato-Regioni, MIT e MEF
 La deroga alle procedure ad evidenza pubblica impone obblighi informativi e motivazionali più stringenti ed obblighi di confronto competitivo fra tutte le manifestazioni d’interesse.
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) e l’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART) in data 25 ottobre 2017 hanno deliberato ed inviato alle Regioni, alla Conferenza Unificata Stato Regioni, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e al Ministero dell’Economia e delle Finanze una segnalazione congiunta in merito alle procedure per l’affidamento diretto del servizio di trasporto pubblico regionale ferroviario.

Leggi tutto...

CANCELLAZIONE VOLI RYANAIR, INFORMAZIONI SIANO PIU’ CHIARE, TRASPARENTI E IMMEDIATAMENTE ACCESSIBILI SUI DIRITTI DEI CONSUMATORI

aereiL’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con le misure cautelari deliberate il 25 ottobre 2017 nei confronti del vettore aereo irlandese Ryanair a seguito delle cancellazioni dei voli operate negli scorsi mesi di settembre e ottobre impone alla compagnia di dare subito ai consumatori informazioni chiare, trasparenti e immediatamente accessibili ai sensi del Regolamento Ce 261/2004.

Leggi tutto...

ACCETTATI GLI IMPEGNI DI NTV SPA (ITALO TRENO), ASSISTENZA E CALL CENTER PIU’ CHIARI E TRASPARENTI

treniLo scorso novembre l’Autorità ha avviato un procedimento nei confronti di Nuovo Trasporto Viaggiatori Spa ipotizzando il mancato rispetto dei diritti dei consumatori in riferimento alla gestione dei servizi di assistenza telefonica all’utenza dedicati all’acquisto dei biglietti ferroviari (060708- Pronto Italo) e alla acquisizione di informazioni e all’esercizio di diritti/prerogative post-vendita (892020 - Italo Assistenza).

Leggi tutto...

Glifosato: Stati Ue al voto su autorizzazione il 25 ottobre

glifosato 2Glifosato: Stati Ue al voto su autorizzazione il 25 ottobre. Stati Ue al voto sul glifosato il 25 ottobre. E' quanto apprende Ansa da fonti della Commissione europea. L'Esecutivo Ue ha invitato gli Stati membri a una riunione straordinaria del comitato Paff per votare la proposta di rinnovo dell'autorizzazione del principio attivo impiegato negli erbicidi più diffusi al mondo.

Leggi tutto...

GRANDI ELETTRODOMESTICI, ACCOLTI IMPEGNI DEI PRODUTTORI: PIU’ COPERTURA E MENO SPESE PER I CONSUMATORI

grandielettrodomesticiNella riunione del 27 settembre 2017, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accettato gli impegni assunti da Whirlpool (marchi Indesit, Ariston, Ignis e Whirlpool, Bauknecht, Kitchen Aid, Scholtes. Whirlpool), Candy Hoover (marchi Candy, Hoover e Zerowatt) e Electrolux (marchi Aeg, Electrolux, Rex, Zanussi e Zoppas), chiudendo tre istruttorie avviate nel marzo 2017 per le modalità di prestazione dell’assistenza a domicilio tramite i Centri di Assistenza Tecnica nel caso di richieste di intervento in garanzia legale per i grandi elettrodomestici venduti da terzi (ad es. grande distribuzione e negozi specializzati).

Leggi tutto...

SOVRAPPREZZI PER IL PAGAMENTO DI BOLLETTE, SANZIONI A CINQUE COMPAGNIE DI ENERGIA ELETTRICA E GAS

agcmL’Autorità ha chiuso cinque procedimenti istruttori avviati nei confronti di altrettante compagnie attive nella fornitura dei servizi energetici, A2A, Green Network, E.ON, Edison e Sorgenia, irrogando sanzioni, per un totale complessivo di oltre 900.000 euro, per la violazione dell’art. 62 del Codice del Consumo.

Leggi tutto...

Nel 2016 rubati 2 miliardi di dati in Europa con ‘cyberattacchi’

cyberattacchiI ‘cyberattacchi’ fanno scoprire vulnerabile l’Europa, colpendola da vicino: nel 2016 sono stati 2 miliardi le informazioni e i dati rubati ai cittadini europei e divulgati in rete. E’ l’immagine che emerge dal rapporto 2017 sul cybercrimine di Europol, dove si registra un boom del +750% negli ultimi 12 mesi delle famiglie di malware responsabili di infiltrarsi nei dispositivi elettronici di cittadini, imprese e istituzioni.

Leggi tutto...

Presentanto il secondo Rapporto "l'Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile" a cura dell'ASviS

Asvis“Cogliere questa fase di ripresa per accelerare sullo sviluppo sostenibile”

“L’Italia ha bisogno di una visione strategica e questo è il momento giusto per discuterne”, dice il ministro Padoan intervenuto alla presentazione del Rapporto ASviS dopo la relazione di Giovannini.

Il Rapporto ASviS 2017 “L’Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” è stato presentato oggi nell’aula del palazzo dei gruppi parlamentari di Montecitorio. L’incontro si è aperto con il saluto della vicepresidente della Camera Marina Sereni che ha detto tra l’altro: “Questa è un’occasione importante per discutere del futuro, per rendere attuabili i contenuti dell’Agenda dello sviluppo sostenibile. La fase storica che stiamo attraversando pone sfide sempre più complesse che richiedono la definizione di nuove strategie e di nuovi paradigmi per lo sviluppo del Pianeta e del Paese. La forza dell’Agenda 2030 sta proprio qui, nell’aver ricompreso in un unico impianto crescita economica, sostenibilità ambientale, inclusione sociale e aver conseguentemente indicato a ogni Paese la necessità di ripensare il proprio modello di sviluppo per correggere la rotta e per renderlo più responsabile nei confronti dell’ambiente e delle generazioni future”.

“Il nostro Paese sta uscendo da una crisi che è stata lunga e durissima”, ha continuato Sereni. “L’obiettivo dunque non è tornare ai livelli di prima della crisi, ma di farlo in modo sostenibile accentuando nelle politiche, negli strumenti e negli incentivi l’attenzione alla dimensione sociale e ambientale che peraltro possono offrire enormi opportunità per creare nuova e buona occupazione. Dentro questa rivoluzione concettuale si colloca l'iniziativa dell'Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile che si propone di monitorare in modo puntuale i passi avanti che si stanno compiendo e anche di segnalare ritardi e criticità.

Il presidente dell’ASviS Pierluigi Stefanini, dopo aver ringraziato la Camera dei deputati per l’ospitalità concessa ancora una volta all’Alleanza, ha precisato che il Rapporto “non è il libro dei sogni, ma la dimostrazione del valore rappresentato dalla collaborazione, dal lavoro pluralistico e multidisciplinare, dalla convergenza di intenti che, pur registrando anche le diversità che sono presenti all’interno dell’Alleanza, rappresentano in modo evidente qual è la nostra linea di condotta: cioè operare in modo propositivo per promuovere i contenuti dell’agenda 2030, per stimolare attenzione e sensibilità, per favorire i processi di apprendimento, di investimento culturale e di progettazione capaci di rendere credibile e comprensibile l’orizzonte della sostenibilità”.

“Comincia ad essere evidente”, ha proseguito Stefanini, “che ci sono segnali di maggiore attenzione su questi temi e che si intensificano iniziative e proposte orientate a far fronte alle sfide della sostenibilità. È giunto il momento di trarre dall’analisi della crisi che abbiamo attraversato in questi anni tutte le conseguenze strutturali e strategiche per quella visione di lungo periodo che pensiamo sia centrale se si vuole produrre una svolta convincente e vincente. Un punto d’azione puramente emergenziale e di breve periodo purtroppo rischia di lasciare irrisolti i nodi principali. Per imprimere invece uno slancio adeguato di trasformazione della crisi che viviamo occorrono quegli strumenti e obiettivi che ci fornisce in modo adeguato e qualificato l’Agenda 2030”.

Il portavoce dell’Alleanza, Enrico Giovannini, ha presentato il Rapporto, avvalendosi di una serie di slide e ricordando innanzitutto che è il frutto dell’impegno di circa 300 esperti delle organizzazioni aderenti all’Alleanza e del segretariato dell’ASviS, attraverso gruppi di lavoro per ciascun Obiettivo dell’Agenda.

Giovannini ha ripercorso i capitoli del Rapporto: la situazione internazionale e il grande consenso che si è creato sulla Agenda 2030 a due anni dalla sua sottoscrizione all’Onu, la situazione italiana rispetto agli Obiettivi, le proposte dell’Alleanza a partire dalla prossima Legge di bilancio, ma proiettate verso un confronto programmatico in vista della prossima legislatura. Ha inoltre presentato i nuovi strumenti statistici per valutare la situazione italiana e gli scenari futuri: il nuovo database dell’ASviS, basato su oltre 170 indicatori statistici, uno strumento interattivo permanente sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile, consultabile gratuitamente on line; gli indicatori sintetici per ciascun Obiettivo; il modello elaborato con la Fondazione Eni Enrico Mattei che consente di valutare le prospettive del Paese e la collocazione nel panorama internazionale da qui al 2030 continuando con le politiche “business as usual” oppure con una svolta decisa verso la sostenibilità.

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan ha concluso l’incontro illustrando la posizione del governo. “Questo Rapporto”, ha detto, "è una sorta di piattaforma che parla al dibattito politico e contiene molti stimoli anche per chi deve fare attività di governo. Sottolineo un punto che rafforza il valore di questo documento. A livello italiano ed europeo, il momento attuale è ancora più adatto che in altri casi per riflettere seriamente su una strategia di sviluppo sostenibile. Chi segue regolarmente il dibattito macroeconomico nota che il sentimento generale di chi si occupa di queste cose è che siamo fuori dalla crisi terribile che ha colpito le economie avanzate a partire dal 2007-2008; siamo in una fase di espansione che molti chiamano ripresa ciclica, ma che in realtà nasconde una grande sfida strutturale. La domanda da porsi non è soltanto quanto durerà questa ripresa ma quanto è sostenibile in senso ampio del termine e quanto possiamo fare approfittando di questa finestra di opportunità nella ripresa internazionale per trasformare profondamente l’economia. Quindi per un po’ il dibattito si allontana dalla questione della sostenibilità finanziaria per entrare nella questione della sostenibilità complessiva della società e questo discorso che vale anche per l’Italia”.

“Oggi ci sono le premesse”, ha detto ancora Padoan, "per utilizzare questo spazio, che è uno spazio economico finanziario ma è anche uno spazio di iniziativa politica. L’Italia sta entrando in una fase cui ha bisogno più che mai di una visione strategica, di fonti di crescita. Ci sono già pezzi di questo quadro, nella strategia del governo sotto il nome di Industria o Impresa 4.0. Ci si deve chiedere quali possano essere le fonti di crescita di lungo termine perché L’Italia è un paese che negli ultimi vent’anni è cresciuto poco e questo non è un eufemismo. Prima della crisi l’Italia già cresceva poco perché era (ed è ancora) in parte appesantita da una zavorra di impedimenti strutturali che richiedono un’azione di riforma che i governi di questi quattro anni hanno portato avanti in modo convinto. L’impegno strutturale deve continuare: una visione strategica che non può che basare la sua fonte di crescita dell’innovazione, ma l’innovazione a sua volta ha bisogno di un quadro di riferimento. In questo Rapporto ci sono tantissimi stimoli su quale politica dell’innovazione poter portare avanti, una innovazione che deve essere sostenibile, ma che può trovare dal concetto di sostenibilità ulteriori incentivi per la produttività di lungo termine, per le prospettive di occupazione, per la qualità della vita”.

“Sono convinto, rispetto ai ritardi che garbatamente ha segnalato Giovannini, che l’Italia possa andare molto avanti e collocarsi alla frontiera di molte dimensioni. Ma l’Italia deve anche promuovere una politica internazionale che sia coerente con questo quadro. A livello globale la presidenza italiana del G7 ha sostenuto il concetto di crescita inclusiva. La dichiarazione di Bari adottata dai ministri delle finanze dei sette paesi più industrializzati è una sfida che i ministri pongono soprattutto a se stessi, abituati come sono a trattare essenzialmente di finanza, perché si guardi sempre di più non solo alle dimensioni quantitative ma anche soprattutto alle dimensioni qualitative. “Da questo punto di vista l’Europa ha grandi responsabilità, ma anche nuove possibilità. Anche in Europa c’è una finestra di opportunità, non solo per il fatto che l’economia europea sta andando meglio, ma perché c’è un grande sentimento della necessità di ripensare l’Europa. Vedremo se le vicende politiche di alcuni paesi saranno di stimolo a questo dibattito. L’Europa ha un grande bisogno di mettere assieme due dimensioni finora separate, perché i ministri finanziari dell’Eurogruppo non parlano quasi mai con i ministri degli altri consigli. È questo un sintomo istituzionale molto grave di carenza di visione perché bisogna mettere assieme la dimensione economico finanziaria con la dimensione di crescita reale, la dimensione sociale, la dimensione di inclusione”.

“L’Italia”, ha concluso il ministro, “sta andando nella direzione giusta, ma il governo, ora e nella prossima legislatura, deve offrire un quadro di riferimento di risorse al quale si devono ispirare le imprese, le famiglie, le istituzioni che rappresentano la vera ricchezza del paese, È necessario che ci sia un osmosi fra le azioni di policy e l’azione della società civile. Analisi come quelle che oggi stiamo discutendo sono estremamente efficaci perché danno coerenza a strumenti che magari sono utili, ma non sono coordinati. E questo, ripeto, è il momento giusto per affrontare questa prospettiva”.

di Donato Speroni

www.asvis.it 

CANCELLAZIONE VOLI, APERTO PROCEDIMENTO NEI CONFRONTI DI RYANAIR PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE

aereiL’Autorità Antitrust ha aperto oggi un procedimento istruttorio nei confronti del vettore aereo irlandese Ryanair per presunte pratiche commerciali scorrette in violazione del Codice del Consumo.  In particolare, l’Antitrust contesta che le numerose cancellazioni dei voli effettuate o da effettuarsi nelle prossime settimane, secondo quanto riportato da notizie stampa, potrebbero configurare una violazione dei doveri di diligenza di cui all’art. 20 del Codice del consumo, nella misura in cui sarebbero in larga misura riconducibili a ragioni organizzative e gestionali già note al professionista, quindi non a cause occasionali ed esogene al di fuori del suo controllo, causando notevoli disagi ai consumatori che avevano da tempo programmato i propri spostamenti e già prenotato e pagato il relativo biglietto aereo. 
 

Leggi tutto...

Rc auto: Antitrust, nessun intesa tra compagnie per aumento prezzi

assicurazioneNessun "disegno collusivo" tra i principali operatori del settore Rc auto atto a determinare un rialzo delle tariffe. Lo ha stabilito l'Antitrust che, nel bollettino pubblicato oggi, tira le fila dell'istruttoria avviata nei confronti dei principali gruppi assicurativi italiani (UnipolSai, Generali, Allianz, Axa, Fata e Cattolica) per accertare l'esistenza di una intesa finalizzata a determinare un aumento dei prezzi dell'rc auto in Italia.

Leggi tutto...

CONSOB ANALIZZA L’OBBLIGO ALTRUI DI REPORTING NON FINANZIARIO

 

 

sostenibilitàNon financial, così Francia, Uk e Germania .  Nel documento di attuazione del decreto 254, Consob analizza come le principali economie europee trattano le informazioni non finanziarie, facendo particolare riferimento al delicato tema dell'asseverazione della dichiarazione. Consultazione fino al 22 settembre.  

Leggi tutto...

Dieselgate:pressing Ue-consumatori,Vw 1 mese per riparazioni

macchina gasNuovo pressing della Commissione Ue e delle associazioni dei consumatori europee nei confronti di Volkswagen, che a due anni dal Dieselgate non ha ancora terminato tutte le riparazioni delle auto con il software che 'trucca' le emissioni.

Leggi tutto...

Energia: rapporto Eea, consumi Ue giù negli ultimi 10 anni

energiafuturoMa serve cambio culturale per sfruttare potenziale rinnovabili. Grazie all'aumento dell'efficienza e alla crescita delle rinnovabili i paesi europei consumano meno energia e hanno ridotto il ricorso ai combustibili fossili rispetto a 10 anni fa. Ma serve "molto più di un cambiamento tecnologico" per imparare a "raccogliere, conservare e trasportare" l'energia prodotta dalle fonti rinnovabili per "utilizzarla quando e dove ci serve". E' il messaggio del rapporto Signals, dell'Agenzia Ue per l'ambiente, che ha dedicato l'edizione 2017 all'energia.

Leggi tutto...

Seguici su: facebook twitter youtube linkedin flickr

 

alleanza italiana sviluppo sostenibile logo festival

 

Ultimi Eventi

Dalla sharing alla social…

 CON LA MEDAGLIA DEL PRESIDENTE D...

AGENDA ONU 2030 La Sosten…

Roma - martedì 30 maggio 2017 - h 9,30...

Authority e Consumatori. …

Roma giovedì 17 novembre 2016h 10.00...

ciriesco new

consumer right banner it-180x150

investi-responsabilmente



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.