NEWS

Autorità Regolazione Trasporti: Relazione 2020.

24 Luglio 2020
Rapporto annuale 2020. Con questo documento l’Autorità presenta al Parlamento il suo settimo rapporto annuale e riferisce sui risultati delle attività svolte, illustra le prospettive della regolazione del settore e indica gli interventi necessari a rimuovere gli ostacoli che si frappongono al miglior funzionamento dei mercati e dei servizi... [continua]

Banca d'Italia in relazione all'emergenza Covid-19.

23 Luglio 2020
Questa sezione raccoglie i contributi della Banca d’Italia, le comunicazioni per il pubblico, per gli intermediari e per gli operatori, le misure e i provvedimenti adottati, gli studi e le analisi, gli interventi della BCE in relazione all’emergenza da Covid-19. [continua]

Investire sul trasporto pubblico per la ripresa economica e la vita quotidiana di milioni di persone: lo chiedono l’Associazione Trasporti ASSTRA e Consumers' Forum

26 Giugno 2020
Si è tenuto oggi un webinar organizzato dall’Associazione Trasporti ASSTRA e Consumers’ Forum sul tema “Il trasporto pubblico locale nello stato di emergenza sanitaria: questioni aperte e prospettive future. Dialogo tra imprese ed utenti” al quale sono intervenuti i rappresentanti del mondo delle imprese del trasporto pubblico locale ed i... [continua]

agcmVia libera dell’Antitrust all’inserimento del canone Rai nella bolletta elettrica, a patto che il costo dell’abbonamento radiotv si distingua da quello della fornitura di energia. Allo stesso tempo, in funzione di un’effettiva concorrenza nel mercato della raccolta pubblicitaria, l’Antitrust “ritiene auspicabile che si assicuri una separazione tra attività di servizio pubblico e attività commerciali della Rai attraverso forme di separazione più incisive di quella contabile”.

È quanto prevede l’Antitrust in un parere inviato al presidente del Senato e a quello della Camera, al presidente del Consiglio e al ministro dello Sviluppo economico. L’Autorità si esprime dunque sull’inserimento del canone Rai nella bolletta elettrica e dà un via libera condizionato alla possibilità di distinguere chiaramente le voci da pagare. Il prossimo anno infatti in canone Rai sarà pagato, in un’unica rata, sulla prima fattura dell’elettricità successiva alla data di scadenza per il pagamento del canone stesso. L’Antitrust “valuta positivamente la circostanza che tale previsione sia mossa dall’intento di ridurre l’area di evasione dagli obblighi contributivi e, al contempo, di ridurre il canone individuale”.

Allo stesso tempo, a tutela della trasparenza, l’Antitrust sollecita adeguate garanzie informative per gli utenti, perché sia chiaro qual è il prezzo del canone e quale quello dell’elettricità. Si legge nel parere: “Si rileva l’opportunità di fare in modo che tale norma sia accompagnata da adeguate garanzie informative in favore degli utenti finali. Le modalità di fatturazione dei servizi di erogazione dell’energia, infatti, possono risultare di difficile lettura per i consumatori finali in virtù dell’attuale livello di complessità del settore. In tale contesto, l’introduzione del pagamento del canone all’interno della fattura energetica non dovrebbe compromettere la possibilità per il consumatore finale di comprendere chiaramente qual è il prezzo pagato per i servizi di fornitura elettrica, in modo tale da poter avere piena consapevolezza dei propri consumi e poter operare una comparazione tra gli operatori energetici. Tale garanzia di trasparenza risulta ancor più rilevante in vista della conclusione del regime di maggior tutela per la fornitura dell’energia elettrica nei prossimi anni”.

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio