"Vivere come se non ci fosse un domani" è lo slogan sul quale modella la propria esistenza il genere umano. Ogni anno la nostra specie consuma più risorse di quelle che la Terra mette annualmente a disposizione. Per il 2021 il debito comincia già dal 29 luglio.

Impegno comune dei Grandi della Terra per spianare la strada alla COP26. G20 Clima ed Energia: dai grandi del Pianeta arriva il rilancio della missione comune per il clima e la transizione energetica con al centro le tecnologie pulite. Un accordo che vede tutti impegnati a lavorare in modo costruttivo per spianare la strada ad una COP26 di successo e per adottare una serie di risultati ambiziosi ed equilibrati, compreso finalizzare i mandati in sospeso dell’Accordo di Parigi. Di seguito i punti salienti dell’intesa.

Giunto alla sua quinta edizione, il Festival è la più grande iniziativa italiana per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità e realizzare un cambiamento culturale e politico che consenta all’Italia di attuare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs).

Comunicato stampa - 20 luglio 2021 - Sergio Veroli è stato confermato Presidente di Consumers’ Forum per il prossimo triennio insieme a Paolo Betto, responsabile rapporti istituzionali e Vice Direttore di Federfarma, anch’egli confermato, in qualità di Vice presidente.

Una vita nel consumerismo come Vice presidente di Federconsumatori, Veroli ha ricoperto la carica di Presidente di Consumers’ Forum dal 2009 al 2012 e dal 2018 al 2021.


L’Assemblea dei Soci ha nominato inoltre Sara Bitetti, responsabile Relazioni Esterne di Confconsumatori come neo Segretario generale di Consumers’ Forum in carica da gennaio 2022, che sostituirà l’avvocato Maurizio Nunziante Vice presidente della Lega Consumatori.


La Presidenza Veroli, Betto, Bitetti sarà in carica sino al 2024.


Sergio Veroli: “Consumers’ Forum è da sempre un luogo di collaborazione fra associazioni dei consumatori e imprese e confronto costruttivo sui principali temi consumeristi, con il contributo determinante del mondo accademico e con il confronto con le Authority e le Istituzioni. E’ inoltre un luogo privilegiato per una formazione condivisa, un luogo di approfondimenti su temi importanti, di conoscenza e diffusione di best pratices e infine di possibile azione di lobby su obbiettivi comuni. E’ nostro compito nel prossimo triennio rafforzare sempre di più il ruolo e l’autorevolezza di Consumers’ Forum, stimolando confronti, ricerche e dibattiti sui molti temi di interesse consumerista e inerenti la sostenibilità.”


Paolo Betto: “Consumers' Forum, in quanto spazio di confronto tra imprese e associazioni dei consumatori in cui condividere soluzioni e superare contrapposizioni e attraverso il quale far conoscere le problematiche consumeriste, può essere considerato una best practice a livello nazionale ed europeo. Nel prossimo triennio dovrà riorganizzare le proprie attività per elaborare schemi operativi che, partendo dall’esperienza maturata durante la pandemia, possano contribuire a delineare nuovi modelli di sviluppo.

Sara Bitetti: “ Consumers’ Forum rappresenta un’esperienza unica a livello nazionale ed europeo. Da più di vent’anni associazioni, imprese e mondo accademico lavorano insieme per superare le asimmetrie informative, creare occasioni di dialogo e rendere i consumatori più consapevoli dei propri diritti. La pandemia ci ha imposto un nuovo modo di lavorare ma non ha placato il nostro entusiasmo e la voglia di continuare a crescere negli ideali che hanno ispirato la costituzione di Consumers’ Forum “.

Concepita come luogo di confronto e riflessione comune per facilitare la conoscenza reciproca e superare la difficoltà di dialogo tra associazioni di consumatori ed imprese, Consumers’ Forum dal 1999 lavora alla creazione di tavoli di confronto, di luoghi di ricerca e formazione per lo sviluppo e l’innovazione, la promozione e la diffusione della cultura del consumo responsabile, grazie al fondamentale e originale contributo del mondo universitario e della ricerca e delle istituzioni. L’obiettivo finale è quello di promuovere insieme un’evoluzione delle politiche consumeriste, al fine di migliorare la qualità di vita dei cittadini e per promuovere la conoscenza dei vecchi e nuovi diritti di tutela del consumatore.

I soci di Consumers’ Forum ad oggi sono: Agos, Associazione Tessile e salute, ASSTRA, Centromarca, Edison, Federdistribuzione, Federfarma, Ferrovie dello Stato, Intesa Sanpaolo, Poste Italiane,Tim, Unioncamere, Utenti Pubblicitari Associati, Utilitalia, Adiconsum, Adoc, Associazione Utenti Dei Servizi Radiotelevisivi, Assoconsum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Udicon, Unione Nazionale Consumatori.

 

La Commissione europea ha proposto la revisione di due normative dell'UE per rafforzare i diritti dei consumatori in un mondo ridefinito dalla digitalizzazione e dalla pandemia di COVID-19. La Commissione rinforza la rete di sicurezza dei consumatori dell'UE, ad esempio facendo in modo che i prodotti pericolosi siano richiamati dal mercato o che le offerte di credito siano presentate ai consumatori in maniera chiara e facilmente leggibile su dispositivi digitali. La proposta aggiorna sia la vigente direttiva relativa alla sicurezza generale dei prodotti, sia le norme dell'UE sul credito al consumo a tutela dei consumatori.

Per la prima volta in Italia è stato sottoscritto un protocollo unitario tra sette grandi aziende dei settori energetico, idrico e del teleriscaldamento 8A2A, Acea, Edison, Enel, Eni gas e luce, E.On, Iren) e 20 associazioni nazionali dei consumatori del Cncu. Obiettivo: rilanciare la negoziazione paritetica, rafforzare lo strumento di risoluzione alternativa delle controversie, consolidando il dialogo tra aziende e associazioni consumeristiche.

La Commissione pubblica oggi orientamenti su come rafforzare il codice di buone pratiche sulla disinformazione, il primo nel suo genere a livello mondiale, per farne uno strumento più efficace nella lotta alla disinformazione.


Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Recovery Plan italiano, è stato approvato il 29 aprile in Consiglio dei ministri ed è stato inviato alla Commissione Europea.
 

La Direttiva sulla rendicontazione non finanziaria (NFRD) impone ad alcune grandi aziende di riferire su questioni sociali, dipendenti e ambientali, diritti umani e tangenti e corruzione. Tuttavia, le informazioni attualmente riportate non soddisfano le esigenze degli utenti.

La Commissione europea sta riesaminando la NFRD al fine di rimediare a ciò e per garantire che le società da cui gli utenti necessitano di informazioni non finanziarie segnalino tali informazioni e che le informazioni riportate siano pertinenti, comparabili, affidabili e di facile accesso e utilizzo.

Consumers’ Forum, associazione indipendente composta dalle più importanti Associazioni di Consumatori, Istituzioni, numerose Imprese Industriali e di servizi e loro Associazioni di categoria, organizza un appuntamento pubblico dal titolo "Cittadini, Istituzioni e Aziende insieme per una nuova mobilità”, martedì 27 aprile h 10/30, in cui Governo, Istituzioni, Authority, imprese, accademici e consumatori si confrontano sul futuro del settore trasporti e mobilità negli anni più difficili e più importanti che ci aspettano. Quelli che ci porteranno, nell’era Covid-19, a gestire i fondi del recovery fund al meglio per il raggiungimento dell’Agenda 2030, verso la quale tutti siamo chiamati ad agire.

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio