NEWS

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza inviato alla Commissione Europea.

3 Maggio 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Recovery Plan italiano, è stato approvato il 29 aprile in Consiglio dei ministri ed è stato inviato alla Commissione Europea.   [continua]

Nuove regole Ue su diritti passeggeri ferroviari.

3 Maggio 2021
Tra le novità maggiore tutela in caso di ritardi e cancellazioni. Più itinerari alternativi in caso di ritardi o cancellazioni, migliore assistenza alle persone a mobilità ridotta, più spazio per le biciclette. Queste le principali novità della revisione del regolamento sui diritti dei passeggeri ferroviari approvata dal Parlamento europeo in via... [continua]

Cittadini, Istituzioni e Aziende insieme per una nuova mobilità

27 Aprile 2021
Per raggiungere il traguardo di una organizzazione ottimale dei trasporti e della mobilità serve una collaborazione forte e duratura tra tutte le parti sociali e una condivisione di obiettivi e strategie. Se ne è discusso oggi nel corso del web event dal titolo “Cittadini, Istituzioni e Aziende insieme per una nuova mobilità” organizzato da... [continua]

Conferenza sulla revisione della direttiva sulle rendicontazioni non finanziarie.

19 Aprile 2021
La Direttiva sulla rendicontazione non finanziaria (NFRD) impone ad alcune grandi aziende di riferire su questioni sociali, dipendenti e ambientali, diritti umani e tangenti e corruzione. Tuttavia, le informazioni attualmente riportate non soddisfano le esigenze degli utenti. La Commissione europea sta riesaminando la NFRD al fine di rimediare a... [continua]

e commerce copyE' quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat per il 2016. A fronte del 72% di imprese italiane con un sito internet, infatti, solo il 10% fa le vendite online, ossia la quarta percentuale più bassa di tutti i 28 stati membri. A fare peggio solo Romania (7%), Bulgaria e Polonia (9%), mentre la Lettonia è allo stesso livello dell'Italia (10%). Le imprese che usano di più il web come mezzo di vendita dei loro prodotti sono l'Irlanda (26%), la Svezia (25%) e la Danimarca (24%), a cui seguono Olanda (22%) e Belgio (21%).

La maggior parte delle vendite online, però, avviene all'interno del proprio Paese (media Ue del 97%), e in Italia la percentuale arriva sino al 98%. Quanto alle vendite online al di fuori dell'Italia, il 55% è effettuato verso altri Paesi Ue, mentre il 35% verso Paesi extra-Ue.

www.ansa.it 

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio